Cos’è la comunità del dono

DIVENTA UN PROTAGONISTA DELLE STORIE DELLA COMUNITÀ DEL DONO

Scopri la storia di Hiba, Alex, Hamit…

Cosa puoi fare

Si può generare un cambiamento nella vita di qualcun altro?

Si, quando si decide di entrare a fare parte della sua storia.

Noi siamo le persone che incontriamo.

“Nella teoria dell’effetto farfalla, Edward Lorenz, immagina che un semplice movimento di molecole d’aria generato dal battito d’ali dell’insetto possa causare una catena di movimenti di altre molecole fino a scatenare un uragano, magari a migliaia di chilometri di distanza.”

La comunità del dono è un progetto semplice ma ambizioso, un’eredità avuta dalla reazione alla pandemia nata nel 2020.

Nessuno può dirsi più uguale a ciò che era prima.

Non vogliamo esserlo.

Abbiamo la necessità di pensare a ciò che è entrato nelle nostre vite e come ha cambiato non solo le abitudini ma il modo di immaginarci dentro la società.

Questo è il momento di desiderare un mondo diverso, fatto di persone da incrociare, associazioni con le quali sognare, enti, aziende e fondazioni che vogliono prendersi cura della comunità in cui sono nate e agiscono.

Siamo fatti d’incontri, inciampi e occasioni.

Fai in modo che il prossimo incontro sia tu

Le storie

#1 | UN MOUSE COME PROMESSA

#2| UNA TROUSSE PER SORRIDERE

#3 |DALLA GIACCA DI AMIRA

#4 | UN ABITO DA FATINA PER IL COMPLEANNO

#5| DAL ROBOT DI HOUSAM ALLA SUA FAMIGLIA

UN FONDO PER LA COMUNITA’

5.473,77

Le vostre donazioni

1.121,2

Desideri esauditi

4.378,8

Fondo per la comunità

oltre 200 donatori
80 famiglie
5.473,77

Le vostre donazioni

1.121,2

Desideri esauditi

4.378,8

Fondo per la comunità

oltre 200 donatori
80 famiglie

Come contribuire

Lo Spaccio di cultura – Portineria di comunità è un dispositivo della Rete Italiana di Cultura Popolare nato nel luglio 2020, per rispondere alle esigenze di una comunità di prossimità, ai bisogni quotidiani degli ABITANTI e essere luogo di incontro e ascolto. Tanti servizi di utilità sociale svolti ogni giorno da Portinai di fiducia, provenienti da situazioni di migrazione oppure con difficoltà economiche e sociali.

L’erogazione liberale ricevuta viene utilizzata per lo svolgimento dell’attività statutaria della Rete Italiana di Cultura Popolare, ai fini dell’esclusivo perseguimento di finalità civiche, solidaristiche e di utilità sociale.